Life StyleStar

Le 5 Interpretazioni Di Robin Williams Che Non Dimenticheremo Mai

Abbiamo scelto per voi alcuni dei suoi film che più ci hanno segnato

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Condivisioni

Agosto 2018 sarà il quarto anniversario della morte dell’attore e comico scomparso tragicamente in California all’età di 63 anni. La morte  di questa figura così dinamica, che ci faceva commuovere e ridere, ha lasciato amareggiati tutti noi.

Robin Williams però continua a vivere nei nostri occhi e nei nostri cuori grazie alle sue innumerevoli interpretazioni che gli hanno fatto conquistare, oltre alla stima dei colleghi e di un vastissimo pubblico, anche molti premi fondamentali come gli Academy e i Golden Globes.

È quasi impossibile scegliere uno solo dei ruoli come nostro preferito, sia grazie alle sue ottime interpretazioni, che le diversità di genere in cui è protagonista. Per molti di noi è stato definitivamente consacrato come uno dei migliori attori in circolazione grazie a film come Patch Adams, Good Morning, Vietnam o Will Hunting – Genio ribelle, che gli ha permesso di conquistare anche il meritato Oscar.

Non dimentichiamo però l’impatto fortissimo che ha avuto anche nelle generazioni dei più piccoli, come nella versione comica di un vecchietta in Mrs Doubtfire o quando ha dato la sua voce e carismatica interpretazione al Genio di Aladdin, il grande classico Disney.

In onore alla sua duratura eredità cinematografica abbiamo scelto alcuni dei suoi ruoli che hanno decisamente segnato la nostra infanzia e che continuano a portarci gioia ed emozioni ogni volta che li rivediamo.

Mrs. Doubtfire (1993)

Robin Williams interpreta Daniel Hillard, un padre recentemente divorziato, che pur di vedere i suoi tre figli si mette nei panni di una anziana governante inglese, Mrs Euphegenia Doubtfire.
Un concept così fuori dalle righe che solo Williams avrebbe potuto centrare in pieno.
Non ci stanca mai.

Jumanji (1995)

“Nella giungla dovrai stare finché un cinque o un otto non compare”
Chi non si ricorda a memoria questa citazione che ha almeno un pochino condizionato la nostra idea che avevamo dei giochi da tavola?
Robin Williams alias Alan Parrish viene imprigionato nel gioco fino a quando due bambini non riprendono in mano la partita e lo liberano. Dovranno terminare la partita per evitare che calamità naturali e animali esotici distruggano la città.

L’attimo Fuggente (1989)

Forse non è uno di quei film da guardare quando si è piccoli ma sicuramente in molti licei e scuole superiori d’Italia è stato consigliato o fatto vedere durante le lezioni.
Qui Williams è Mr Keating, un insegnante eccentrico ed anticonformista che riesce ad ispirare gli studenti di una classe di un istituto d’elite e oppressivo nel Vermont. Grazie a lui capiscono il significato del detto Carpe Diem e decidono di cogliere per tempo ciò che la vita ha da offrire. Un classico che ha ispirato un’intera generazione di studenti e insegnanti.

Hook – Capitan Uncino (1991)

Peter Pan è cresciuto e fa l’avvocato. Williams che interpreta l’eterno ragazzo, deve tornare sull’Isola che non c’è per salvare i suoi due figli, rapiti da Capitan Uncino. Nel corso del film Peter, che ormai aveva perso la sua vera identità, deve riscoprire il bambino che è dentro di lui per poter salvare i suoi figli.
Un sequel leggendario firmato dalla regia di Steven Spielberg e con un cast stellare ad accompagnare.

Aladdin (1992)

In questo caso Robin è la voce del Genio della lampada, amico di Aladdin che aiuterà a conquistare Jasmine la principessa di Agrabah e a sconfiggere il malefico Jafar.
Williams ha improvvisato quasi tutti i dialoghi del film dando un nuovo significato al doppiaggio dei cartoni disney e arricchendo con la sua comicità l’intero film.


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Condivisioni

Commenta con Facebook

Leggi tutto

Articoli Correlati

Close